martedì 15 maggio 2012

Prato spontaneo, il primo taglio

Fontanigorda 11 maggio.


Appena arrivati ci accoglie una distesa di fiori



 









E' il    "prato spontaneo"   nella  sua ricchezza di varietà e  nel trionfo dei  fiori  spontanei.


Mi piange il cuore, a dover falciare tanta bellezza, tanta ricchezza di vita,   ma un prato non calpestabile è un prato non ... praticabile ed io ho bisogno di camminarci sopra  e trasportarci carichi per fare manutenzione alle aiole e agli alberi,  quindi ...  "erbette  kaput"  .


Prima però "salviamo"  qualcosa:






Il prato è stato falciato grossolanamente col decespugliatore , perchè l'erba era troppo alta per l'uso del rasaerba.  Fra 10 o 15 gg  regolarizzerò il taglio con il rasaerba e poi basterà mantenere l'erba calpestabile con tagli più o meno regolari.

Peccato per la fioritura delle "spontanee"   che ho sacrificato  a malincuore .

2 commenti:

  1. Condivido, anch'io da un week end all'altro trovo bellissimi fiori nel prato che è un vero peccato dover sfalciare...

    RispondiElimina
  2. Molto belli questi fiori spontanei. Ne ho anch'io all'inizio delle rasature. Mio fratello le chiama piante infestanti, ma io invece li apprezzo: margheritine, non ti scordar, bottoncini gialli.
    Bello questo Blog.
    Paola

    RispondiElimina