domenica 4 agosto 2013

ai caprioli piacciono le prugne



Dopo 15 giorni ho lasciato il mio "eremo" di Fontanigorda e sono sceso a valle, in quel di Genova.

Prima visita d'obbligo era l' orto di Apparizione,  per verificare i disastri che 15 giorni di abbandono vi avevano sicuramente causato.

Prima constatazione : ai caprioli piacciono le prugne, anche quelle marcite per la monilia.

Hanno fatto una pulizia quasi totale.  Si è salvato solo un albero di arselline, che stanno passando dall'acerbo direttamente al marcio a causa della monilia.


Il sette luglio erano ancora acerbe , puù o meno così





Il tre agosto mi aspettavo di trovarne metà mature sugli alberi e metà marce per terra .....  come al solito, dato che non gli do nulla, nemmeno il verderame e la zona è umidissima :  "u luvegu"  , il regno della monilia ,  e considerato che quest'anno aveva piovuto molto più a lungo del solito.

Invece trovo il terreno pulitissimo, nemmeno un nocciolo per terra, e molto "calpestato"  ma non "arato" come fanno i cinghiali.

Inoltre alcuni rami sono spezzati nel punto dell'attaccatura, come se tirati giù a forza ed un alberello molto giovane addirittura spezzato alla base



 

Altri rami, che evidentemente hanno resistito alla "strappo", sono scortecciati nel punto in cui erano stati afferrati con i denti

Come ulteriore "firma" del responsabile del furto ci sono anche le bietole, che sono state "brucate" di netto (vedi la mezza foglia rimasta) come lo scorso anno era toccato ai giovani cavoli (decapitati)



La firma è senz'altro quella del capriolo, a quale sono piaciute non solo le prugne sane ma anche quelle cadute per terra perchè attaccate dalla monilia. Infatti, come ho già detto, a terra non c'era nulla, neppure un nocciolo.

Sei alberi ripuliti a fondo, con una meticolosità encomiabile.

Per fortuna me ne ha lasciato uno, un albero di arselline, così anche io ho potuto raccogliere qualcosa, ed al prossimo passaggio il capriolo dovrà accontentarsi di quelle mezze marce che gli ho lasciato.
Spero solo che pulisca bene per terra.....  



Comunque siete avvisati:  ai caprioli piacciono le prugne

25 commenti:

  1. desidero sapere come rimediare al marciume che si forma dopo la raccolta, e se si tratta dell'attacco di monilia quale irrorazione viene meglio a salvare il prossimo raccolto l'anno prossimo.Grazie dei suggerimenti che potreste darmi a riguardo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao
      la monilia causa il marciume che noti inizialmente sulla buccia e si estende poi su tutto il frutto anche dopo la raccolta.
      purtroppo una volta raccolti i frutti non è più consigliabile nessun trattamento salvo tenerli in frigo (la bassa temperatura rallenta lo sviluppo del fungo).
      i trattamenti anticrittogamici vanno fatti in via preventiva iniziando addirittura a fine inverno
      i prodotti sono tanti e vanno dalla "biologica" poltiglia bordolese (o altro prodotto a base di rame) a prodotti chimici appositi.
      se usi la bordolese dovresti iniziare a fine inverno (senza foglie) poi ogni 15 gg escluso il periodo della fioritura e sospendere 20 gg prima della raccolta.
      per i prodotti chimici vedi le istruzioni sul "bugiardello" che accompagna la confezione.

      io ho deciso di non dare nessun funghicida e mi tengo la monilia che si prende circa metà del raccolto, ma quello che resta mi basta e avanza (salvo l'intervento dei caprioli....).

      ciao

      Elimina
  2. la monilia è una brutta bestia,ma non rovina poi la pianta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Thomas , certo che rovina gli alberi. Queste sono prugne "rapalline" e "arselline" piante autoctone e resistono a lungo mentre gli albicocchi che compro non durano 10 anni poi fanno la resina dal tronco e crepano

      Elimina
  3. non conoscete qualcuno che ha qualche pollone di susina basiricatta o anche soprannominata collo storto,da darmi anche pagando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho solo polloni di rapalline e arselline , se servono sono a disposizione.

      Elimina
    2. dimenticavo, gratis , naturalmente.

      Elimina
  4. Oh che bello ma dove ti trovi in Liguria, si mi interessano!


    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. ok grazie di cuore allora facciamo il prossimo ma sei a genova giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, ci sentiamo al telefono, io sono di Genova, tu di dove ?

      Elimina
  7. Risposte
    1. allanima di gita , fai prima ad andare da Ingegnoli.....

      Elimina
  8. comunque tu non conosci nessuno nei dintorni che mi possa dare i polloni della susina collo storto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Negativo, qui non conosciamo questa qualità

      Elimina
  9. la chiamano pure basaricatta,i frutti sono gialli dalla forma a fiaschetta.....

    RispondiElimina
  10. ingegnoli poi non ha l arsellina ne la rapallina...

    RispondiElimina
  11. ci sei questa prossima domenica mattina per recuperare i polloni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo di si, mi ci metti la tua e-mail che ti rispondo direttamente e poi elimino questi messaggi?

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Risposte
    1. cio pilus sono a casa e ho gia' cenato,le piantine le ho gia' sistemate,sono molte se attecchiscono tutte,sei stato gentile,grazie ancora,mi raccomando la piantina che ti ho dato,se vuoi delle info sulla varieta' vai in internet e scrivi susina dal collo storto o basaricatta,e cerca con immagini,poi vai sulle immagini e prova,troverai un estratto delle tavole botaniche di gallesio,un botanico di finale ligure dell ottocento,egli la descrive bene

      Elimina
  14. ...a proposito la varieta' di prugne gialle che mi hai dato non le chiamano le franchine li da voi?

    RispondiElimina